Metodologie e problematiche per una biblioteca digitale. Il caso di digilibLT

Maurizio Lana

Abstract


Una biblioteca digitale, oggi, non è più in se stessa un prodotto altamente innovativo, ma uno strumento consueto di lavoro e dunque deve per quanto possibile rispondere nel modo migliore a una molteplicità di esigenze e vincoli.
digilibLT (digital library of late-antique latin texts; http://digiliblt.unipmn.it) è una biblioteca digitale nata di recente con lo scopo di raccogliere tutti i testi latini pagani tardi, a completamento della raccolta dei testi latini di epoca classica pubblicata nel PHI CDROM #5.3. La biblioteca è stata progettata in risposta ad un bando della Regione Piemonte, da cui è cofinanziata, con l’intento di rispondere alle esigenze più avvertite tra gli studiosi e i bibliotecari. I testi antichi, che sono/saranno disponibili per il download in molteplici formati, da XML-TEI a testo, PDF ed epub (oltre al ‘vecchio formato’ Beta della raccolta PHI 5.3, per  ragioni  di  compatibilità  verso  il  passato),  per  rispondere  alle  esigenze  di qualità degli studiosi provengono tutti da edizioni critiche recenti e  selezionate dal comitato scientifico della biblioteca;  introduzioni, apparati e commenti presenti nelle medesime edizioni sono invece del tutto assenti, in ossequio alla legge  sul  diritto  d’autore.  Il  sistema  è  costruito  interamente  con  free  software, adottando  senza  limitazioni  i  principi  digilibLT  e  le  licenze   Open Access per tutti i contenuti (pagine Web e testi).

Keyword


PHI CDROM; XML-TEI; Creative Commons; digilibLT ; Open Access;

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.