L’utilizzo della digitalizzazione nell’ICCD: stato dell’arte e prospettive

Elena Berardi, Clemente Marsicola, Maria Rita Sanzi Di Mino

Abstract


Le tecnologie digitali sono entrate a far parte ormai da alcuni anni degli strumenti di lavoro che l’ICCD impiega nelle attività di gestione della conoscenza del patrimonio storico-artistico,  archeologico,  architettonico  e  demoantropologico.  Il  digitale  è,  infatti,  da  un  lato  una tecnica che viene applicata con diverse finalità a seconda del contesto di utilizzazione, dall’altro è un linguaggio di comunicazione e accessibilità che svolge una funzione di eccellente ausilio a un ventaglio di attività potenziandone la portata informativa. Senza volerne esaltare acriticamente l’utilizzo, risulta abbastanza evidente che la digitalizzazione in quanto tale non ha le credenziali per vivere di vita autonoma. Al contrario essa si esalta di luce riflessa se sapientemente affiancata ad attività che presuppongono un
lavoro di studio e approfondimento dell’oggetto (entità sulla quale agisce la digitalizzazione). La digitalizzazione, infatti, da sola non “parla”, non ha la facoltà di “tradurre” tout court contenuti, e anzi un abuso indifferenziato può determinare  un  ritorno  di  inefficacia  rispetto  agli obiettivi ipotizzati.

Keyword


ICDD; Istituto centrale per il catalogo e la documentazione; Demoantropologico; Storico-artistico; Archeologico; Architettonico; Fotografia; Aerofototeca; Dagherrotipi; Stereoscopie; SIGEC; Beato; McPherson; Sommer; Le Lieure; Caneva; Cugnoni; Vale;

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.