Il paratesto nei documenti elettronici e la “biblioteconomia digitale”. A proposito del convegno I dintorni del testo: approcci alle periferie del libro

Giovanni Solimine

Abstract


L’intervento prende spunto dalla pubblicazione degli atti del convegno internazionale I dintorni del testo: approcci alle periferie del libro, svoltosi tra Roma e Bologna dal 15 al 19 novembre 2004, soffermandosi in particolare sulle relazioni  di  interesse  catalografico  e  biblioteconomico  (Rossano  De  Laurentiis- Mauro Guerrini, Michael Gorman, Franco Tomasi).
Il convegno, insieme ad altre iniziative di ricerca dedicate allo studio del paratesto,  ha  risvegliato  anche  in  ambito  bibliografico  alcune  riflessioni  in  merito  a possibili analogie fra l’analisi della natura e della struttura dei documenti manoscritti, a stampa ed elettronici, e i metodi con i quali gli studi filologico-letterari si occupano solitamente dei testi contenuti in essi.
Vengono  esaminate  le  principali  caratteristiche  dei   documenti  digitali,  gli  elementi distintivi che costituiscono i metadati secondo lo standard Dublin Core e i concetti di base su cui si fonda il modello FRBR (Functional Requirements for
Bibliographic  Records)  dell’IFLA  (International  Federation  of  Library Associations), modello che si propone di collegare tra loro un’opera, le sue diverse espressioni, le manifestazioni in cui esse si materializzano, i singoli documenti fisici che le rappresentano. Gli elementi presi in considerazione dai metadati e da FRBR non rappresentano soltanto le fonti per la schedatura di un documento elettronico, ma ne costituiscono  in  un  certo  senso  anche  la  dimensione  paratestuale,  influenzandone  la fruizione e la comprensione e offrendo informazioni essenziali per la sua analisi testuale.
Nelle conclusioni si propone che la tradizione di studi biblioteconomici che si riconosce nell’indicizzazione semantica, nei tesauri e nei linguaggi controllati, nei sistemi  di  information  retrieval  cerchi  un  terreno  di  incontro  e  di  integrazione con il filone di studi di informatica umanistica, approfondendo in particolare le sperimentazioni  che  provano  a  coniugare  l’utilizzo  degli  elementi  paratestuali nei metadati con le metodologie di knowledge management.

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.