La tecnologia 5G e i beni culturali: percorsi di storie e architetture all’Aquila

Silvia Mantini, Fabio Graziosi, Fabio Franchi, Stefano Boero

Abstract


All’indomani del terremoto del 2009, l’Università dell’Aquila ha realizzato progetti di tutela e valorizzazione dei beni culturali che rispondono a esigenze di comunicazione dell’invisibile, di fruizione del visibile differentemente collocato e del recupero di facies sparite. Con particolare riferimento al patrimonio storico-artistico della città, la tecnologia 5G ha permesso la sperimentazione di soluzioni di realtà aumentata e virtuale che hanno riguardato chiese e palazzi ricostruiti. La traduzione delle ricerche d’archivio in approcci storici digitali, in pratiche di public history e in esperienze di editoria aumentata ha consentito, attraverso le ICT, una più ampia accessibilità ai contenuti multimediali da parte di diversi pubblici di fruitori.


Keyword


ICT; patrimonio; valorizzazione; fruizione; terremoto; L’Aquila; ricostruzione; comunicazione

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.